lunedì 1 agosto 2011

La Torre di Pisa sulle mutande diventa un simbolo fallico


PISA – La Torre di Pisa riprodotta su un paio di mutande come simbolo fallico e' ''una sconcezza che deve finire''.

Lo ha detto il sindaco Marco Filippeschi aggiungendo anche la sua voce contraria a quella della curia arcivescovile e dell'associazione degli Amici dei Musei che hanno denunciato la vendita di ''souvenir brutti e volgari'' nelle bancarelle di piazza dei Miracoli, dove il campanile di Bonanno Pisano e' stampato come simbolo fallico su alcune mutande in vendita a 7 euro.

La Chiesa pisana e' indignata: ''Quei souvenir – ha detto in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano il Tirreno il vicario diocesano, monsignor Enzo Lucchesini – sono una vergogna, non solo per i fedeli ma per tutta la citta'. E' un'assoluta mancanza di rispetto, queste forme di pubblicita' sono un segno di decadenza dei nostri tempi''.

La Diocesi chiedera' all'Opera primaziale, l'ente proprietario della piazza dove i venditori di souvenir mettono in mostra le mutande sotto accusa, di prendere provvedimenti, ma intanto il sindaco annuncia gia' che e' pronto a fare la sua parte e a vietare ''come gia' fatto anche in passato, la vendita di oggetti che mancano di rispetto ai luoghi'' perche' ''ci sono regolamenti comunali che stabiliscono in modo chiaro quali merci possono essere vendute e quali no: coloro che non li rispetteranno saranno sanzionati''.

Nessun commento: